Paga l'IRAP l'ingegnere che eroga compensi a terzi (professionisti o meno)

I compensi erogati dal professionista a terzi non rilevano solo se corrisposti a dipendenti subordinati, essi sono indice del superamento della struttura organizzativa minimale anche quando sono corrisposti a terzi professionisti, quali indice sintomatico della sussistenza del presupposto della autonomia organizzativa. (CORTE DI CASSAZIONE - Sez. trib. - Ordinanza 15 marzo 2019, n. 7409). Nel caso esaminato dalla Suprema Corte il contribuente esercita la libera professione di ingegnere ed ha richiesto la restituzione dell'IRAP versata per gli anni 2006, 2007, 2008 e 2009, ricevendo il rifiuto dall'Amministrazione finanziaria che ha debitamente impugnato avanti la CTP competente, senza trovare riscontro favorevole alle proprie ragioni.Interponeva quindi appello che trovava parziale accoglimento, poiché la CTR riteneva che limitatamente all'anno di imposta 2009 il contribuente avesse svolto la propria attività professionale "intuitu personae", senza cioè avvalersi dell'opera di collaboratori o terzi, mentre, per gli altri anni, l'esposizione in dichiarazione di ricorrenti compensi

ANF: dal 1° aprile, domanda telematca

Con circolare del 22 marzo 2019, n. 45, l’Inps fornisce indicazioni relative alle nuove modalità di presentazione della domanda di assegno per il nucleo familiare per i lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo. Dal 1° aprile 2019, le domande, finora presentate dal lavoratore al proprio datore utilizzando il modello "ANF/DIP" (SR16), dovranno essere inoltrate esclusivamente all’INPS in via telematica al fine di garantire all’utenza il corretto calcolo dell’importo spettante e assicurare una maggiore aderenza alla normativa vigente in materia di protezione dei dati personali.Le domande già presentate al datore di lavoro fino alla data del 31 marzo 2019 con il modello "ANF/DIP", per il periodo compreso tra il 1° luglio 2018 ed il 30 giugno 2019 o a valere sugli anni precedenti, non devono essere reiterate, ma saranno gestite dai datori. Le domande presentate in via telematica all’INPS, a decorrere dal 1° aprile 2019, saranno istruite dall’Istituto per la definizione del diritto e della misura della prestazione familiare richiesta. Nell’ambito di tale

Prassi - AGENZIA DELLE ENTRATE - Risoluzione 21 marzo 2019, n. 37/E

Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite modello F24, delle somme dovute per la definizione agevolata delle violazioni formali, ai sensi dell’articolo 9 del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2018, n. 136…

Eventi formativi di