Obbligo di comunicazione per le bollette- fatture emesse

21 SETT 2018 Per le bollette-fatture relative alla fornitura di acqua, depurazione e servizio di fognatura emesse, sussiste l’obbligo di comunicazione dei dati, limitatamente alle fatture emesse nei confronti di soggetti passivi, in quanto trattasi di fatture a tutti gli effetti. (AGENZIA DELLE ENTRATE - Risoluzione 21 settembre 2018, n. 68/E). La normativa vigente dispone che le bollette emesse per l’addebito dei corrispettivi relativi alle diverse somministrazioni (di acqua, gas, energia elettrica, ecc.) tengono luogo delle fatture e, dunque, sono da considerarsi tali sotto ogni profilo. Considerata, pertanto, l’assimilazione tra fatture e bollette, non si ravvisano elementi tali per escludere le bollette-fatture dall’obbligo di invio della nuova "Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute", così come previsto dall’articolo 21 del decreto-legge n. 78 del 2010.Quanto poi ad eventuali esoneri previsti, con riferimento all’originaria "Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute", si osserva che in riferimento alle operazioni rilevanti ai fini dell’imposta su

Non è agevolabile ai fini IRPEF il box acquistato con cambio di destinazione d'uso

21 SETT 2018 Il box auto acquistato qualora derivi da un intervento di ristrutturazione di un immobile ad uso abitativo con cambio di destinazione d’uso e non da un intervento di "nuova costruzione" non risulta agevolabile. (AGENZIA DELLE ENTRATE - Risposta 19 settembre 2018, n. 6). Ai sensi dell’art. 16-bis del TUIR dall’imposta lorda Irpef si detrae un importo pari al 36 per cento delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare, sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi. La misura della detrazione dal 36 per cento è stata poi elevata al 50 per cento nonché dell’ammontare delle spese ammissibili alla detrazione, il cui limite è di euro 96.000 in luogo di euro 48.000.per le spese sostenute dal 26 giugno 2012. Questi maggiori benefici sono stati più volte prorogati fino, da ultimo, al 31 dicembre 2018.La detrazione in esame è riconosciuta anche per gli interventi relativi alla "r

Giurisprudenza - CORTE DI GIUSTIZIA CE-UE - Sentenza 20 settembre 2018, n C-466/17

Rinvio pregiudiziale – Politica sociale – Direttiva 1999/70/CE – Accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato – Clausola 4 – Settore pubblico – Docenti di scuola secondaria – Assunzione come dipendenti pubblici di ruolo di lavoratori con contratto a tempo determinato per mezzo di una procedura di selezione per titoli – Determinazione dell’anzianità di servizio – Computo parziale dei periodi di servizio prestati nell’ambito di contratti di lavoro a tempo determinato…

Giurisprudenza - CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 07 settembre 2018, n. 21780

Tributi - TARSU - Esenzione - Locali utilizzati per lo stoccaggio e l'immagazzinaggio del mais e dei concimi - Assimilazione ai "locali di essiccazione e stagionatura (senza lavorazione) - Esclusione - Applicazione dell’imposta - Produzione rifiuti speciali - Onere di prova a carico del contribuente…