Scopri la nostra offerta

Soluzioni ad alto valore aggiunto al servizio del professionista.

Banche Dati

Le soluzioni digitali di TeleConsul sono ideate per supportare il professionista nel reperire l’informazione più corretta e aggiornata, con il corredo di guide, scadenzari e strumenti operativi.

Scopri di più

Software

I gestionali di TeleConsul nascono dall’esperienza concreta del professionista e sono la risposta più agevole e completa per sbrigare operazioni complesse, comprimendo i tempi di utilizzo e coniugando efficienza e tempestività.

Scopri di più

Editoria

Risposte immediate ai problemi della pratica quotidiana, grazie ad una linea di pubblicazioni e soluzioni digitali, progettate e ideate per il Consulente del Lavoro. Caratterizzata da un’impostazione operativa e sempre attenta alle novità del settore, l’Editoria TeleConsul si propone quale autorevole punto di riferimento per l’informazione, l’aggiornamento e lo sviluppo delle competenze del professionista.

Scopri di più

Formazione

Fortemente connessa ed integrata con la produzione editoriale, la Formazione TeleConsul si articola in eventi in aula, sia gratuiti che a pagamento, di diversa natura e durata: convegni, percorsi formativi e focus. Avvalendosi di relatori esperti e preparati, l’attività formativa consente un apprendimento efficace ed una trattazione approfondita delle tematiche, grazie ad una continua interazione fra docente e discente, che permette l’analisi dettagliata di casi concreti, emersi nella pratica professionale.

Scopri di più

Servizi

TeleConsul propone una serie di servizi e App che agevolano le attività quotidiane, facilitano funzioni in mobilità e danno ulteriore impulso allo sviluppo del business, anche grazie alla possibilità di apprendimento rapido tramite vari webinar.

Scopri di più

Contattaci

Offerte del mese

Codice del Terzo settore: chiarimenti sulla nozione di "interesse sociale"

5 ago 2022 Il Ministero del Lavoro, con la nota del 4 agosto 2022, n. 11379, ha fornito chiarimenti in merito alla nozione di "interesse sociale" e di "particolare interesse sociale", prevista dall’ art. 5, D. Lgs. 3 luglio 2017, n.117 (Codice del Terzo settore) nel declinare le attività di interesse generale. L’art. 5 del Codice del Terzo settore, nel declinare le attività di interesse generale, prevede, con riferimento a talune di esse, uno specifico elemento qualificatorio: difatti, sono considerate di interesse generale le "attività culturali di interesse sociale"; "la ricerca scientifica di particolare interesse sociale"; l’ "organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche e ricreative di interesse sociale"; l’ "organizzazione e gestione di attività turistiche di interesse sociale" . A tale riguardo la nota in oggetto si propone di fornire una puntuale perimetrazione dei concetti di "interesse sociale" e di "particolare interesse sociale. Non tutte le attività di interesse generale sono anche di interesse sociale. Ciò spiega la ragion d’essere della specificazione

Leggi
Maternità, paternità e congedo parentale: prime indicazioni INPS

5 ago 2022 L’Inps, con il messaggio del 4 agosto 2022, n. 3066, ha fornito le prime indicazioni in materia di maternità, paternità e congedo parentale, alla luce delle regole introdotte dal D. Lgs. 30 giugno 2022, n. 105, che entreranno in vigore dal 13 agosto 2022. Congedo di paternità obbligatorio Il padre lavoratore dipendente si astiene dal lavoro per un periodo di 10 giorni lavorativi (non frazionabili a ore e fruibili anche in via non continuativa), nell’arco temporale che va dai 2 mesi precedenti la data presunta del parto fino ai 5 mesi successivi alla nascita. Il congedo è fruibile, entro lo stesso arco temporale, anche in caso di morte perinatale del figlio. In caso di parto plurimo, la durata del congedo è aumentata a 20 giorni lavorativi. Il congedo si applica anche al padre adottivo o affidatario. I giorni di congedo sono fruibili dal padre anche durante il congedo di maternità della madre lavoratrice e sono compatibili con la fruizione (non negli stessi giorni) del congedo di paternità alternativo. Il padre deve comunicare in forma scritta al datore di lavoro i gior

Leggi
Agenzie delle Entrate - Riscossione: premio aziendale e sicurezza covid-19

Firmati il 28 luglio 2022, per i dipendenti delle Agenzie delle Entrate - Riscossione, l’accordo per l’erogazione del Premio Aziendale (VAP) e l’accordo di integrazione del "Protocollo per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da Covid 19 in considerazione della cessazione dello stato di emergenza". Premio Aziendale AdER anno 2022 (erogazione 2023) Al personale delle Aree professionali ed ai Quadri direttivi dell’Ente Pubblico Economico Agenzia delle entrate-Riscossione, saranno corrisposti per il corrente anno di competenza 2022 gli importi riportati nella seguente Tabella. LIVELLI AGENZIA DELLE ENTRATE - RISCOSSIONE QD4 4.040 QD3 3.422 QD2 3.050 QD1 2.870 3A4L 2.520 3A3L 2.345 3A2L 2.215 3A1L 2.100 2A3L 1.970 2A2L 1.895 2A1L 1.845 Liv. Unico 1.720 Il premio aziendale viene erogato, di norma, con le competenze del mese di giugno 2023 e a condizione che il bilancio 2022 non presenti perdita di esercizio. Detto Premio, in coerenza con quanto previsto dal vigente CCNL terrà a riferimento, per il 2022, i seguenti parametri: 1. le i

Leggi
Erogazione del premio di risultato per i dipendenti Rai

Erogazione del premio di risultato per i dipendenti Rai La Rai ha emanato le regole da applicare ai fini dell’erogazione del premio di risultato per i propri dipendenti I Lavoratori RAI troveranno in busta paga ad ottobre il Premio di risultato, pari al 63% dell'importo massimo di 1579,27 €, previsto per il 4° livello, in relazione all'Accordo sul Pdr RAI (2019-2020-2021), e al risultato di bilancio ottenuto. Il premio potrà essere percepito con le seguenti modalità 1. Pagamento del 100% del PdR in busta paga tassato al 10 %; 2. Destinare il 50% (esentasse) del PdR alla CRAIPI (se iscritto al Fondo) e pagamento del restante 50% in busta paga 3. Destinare il 100% (esentasse) del PdR alla CRAIPI (se il dipendente è iscritto al Fondo) 4. Destinare il 50% (esentasse) del PdR in servizi welfare e pagamento del restante 50% in busta paga (in questo caso l'importo sarà maggiorato dell'8%) 5. Destinare il 100% del PdR in servizi welfare (in questo caso l'importo sarà maggiorato del 12%) PdR al 63% riparametrato per livello Livello PdR 2022 A 1.359.55€ 1 1.248.31€ 2 1.161.79€

Leggi