Scopri la nostra offerta

Soluzioni ad alto valore aggiunto al servizio del professionista.

Banche Dati

Le soluzioni digitali di TeleConsul sono ideate per supportare il professionista nel reperire l’informazione più corretta e aggiornata, con il corredo di guide, scadenzari e strumenti operativi.

Scopri di più

Software

I gestionali di TeleConsul nascono dall’esperienza concreta del professionista e sono la risposta più agevole e completa per sbrigare operazioni complesse, comprimendo i tempi di utilizzo e coniugando efficienza e tempestività.

Scopri di più

Editoria

Risposte immediate ai problemi della pratica quotidiana, grazie ad una linea di pubblicazioni e soluzioni digitali, progettate e ideate per il Consulente del Lavoro. Caratterizzata da un’impostazione operativa e sempre attenta alle novità del settore, l’Editoria TeleConsul si propone quale autorevole punto di riferimento per l’informazione, l’aggiornamento e lo sviluppo delle competenze del professionista.

Scopri di più

Formazione

Fortemente connessa ed integrata con la produzione editoriale, la Formazione TeleConsul si articola in eventi in aula, sia gratuiti che a pagamento, di diversa natura e durata: convegni, percorsi formativi e focus. Avvalendosi di relatori esperti e preparati, l’attività formativa consente un apprendimento efficace ed una trattazione approfondita delle tematiche, grazie ad una continua interazione fra docente e discente, che permette l’analisi dettagliata di casi concreti, emersi nella pratica professionale.

Scopri di più

Servizi

TeleConsul propone una serie di servizi e App che agevolano le attività quotidiane, facilitano funzioni in mobilità e danno ulteriore impulso allo sviluppo del business, anche grazie alla possibilità di apprendimento rapido tramite vari webinar.

Scopri di più

Contattaci

Offerte del mese

Accertamento induttivo da indagini bancarie: costi inerenti deducibili

Nella determinazione del reddito mediante accertamento induttivo basato su indagini bancarie, dai ricavi accertati presuntivamente in ordine ai versamenti/prelevamenti risultanti dal conto corrente bancario devono essere dedotti i "costi inerenti", che siano provati dal contribuente o comunque emersi dagli accertamenti compiuti. Secondo la Corte di Cassazione, rientrano tra i "costi inerenti" gli assegni emessi dai soci che i verificatori hanno associato all’acquisto di merce in nero (Corte di Cassazione - Ordinanza 22 ottobre 2020, n. 23093) IL CASO La controversia trae origine dagli avvisi di accertamento con i quali l’Agenzia delle Entrate ha contestato alla società, a ristrettissima base partecipativa, presunti redditi non dichiarati, determinati in modo induttivo sulla base delle movimentazioni dei conti correnti bancari intestati ai soci, attribuite dai verificatori alla contabilità parallela "in nero" emersa nel corso della verifica.La società ha impugnato gli avvisi di accertamento, contestando il mancato riconoscimento di costi in deduzione dal reddito accertato indu

Leggi
Cooperative sociali, spese rimborsate ai soci volontari anche con autocertificazione

Anche ai soci volontari delle cooperative sociali è applicabile la previsione contenuta nel Codice del Terzo settore (art. 17, co. 4, D.Lgs. n. 117/2017), derogatoria alla regola generale, secondo cui le spese da essi sostenute possono essere rimborsate anche a fronte di una autocertificazione, se di importo non superiore a 10,00 euro giornalieri e 150,00 euro mensili, previa delibera dell'organo sociale, a condizione però che ciò avvenga all’interno di una metodologia complessiva di quantificazione e rimborso delle spese (Ministero del lavoro e delle politiche sociali, nota 22 ottobre 2020, n. 10979) Il quesito si pone in relazione all’applicabilità ai soci volontari di una cooperativa sociale, rientrante ex lege nell’alveo delle imprese sociali (D.Lgs. n. 112/2017), la previsione contenuta nel Codice del Terzo settore (art. 17, co. 4, D.Lgs. n. 117/2017) derogatoria alla regola generale secondo cui ai volontari che prestino la propria attività per gli enti del Terzo settore, le spese sostenute possono essere rimborsate solo a fronte della presentazione della integrale documenta

Leggi
LEGNO INDUSTRIA: Firmato l'accordo di rinnovo - Prime informazioni sulle retribuzioni

FEDERLEGNOARREDO e FENEAL-UIL, FILCA-CISL e FILLEA-CGIL, dopo una prima intesa raggiunta nei giorni scorsi, annunciano la firma del verbale di accordo per il rinnovo del CCNL di settore Le Parti del settore CCNL Legno Industria con comunicato annunciano che il 22/10/2020, dopo una prima intesa raggiunta nei giorni scorsi, si è sottoscritto l’accordo di rinnovo che resterà in vigore fino al 31/12/2022.Nell’attesa della pubblicazione del testo, per quanto riguarda gli aumenti retributivi, le Parti segnalano che sono superiori all’inflazione e incideranno su tutti gli istituti contrattuali, secondo gli importi e le date della tabella che segue: Categorie Incrementi 1° settembre 2020 Incrementi 1° gennaio 2021 AD3 52,50 52,50 AD2 51,25 51,25 AD1 48,75 48,75 AC5 46,25 46,25 AC4 42,50 42,50 AC3/AC2/AS4 38,75 38,75 AS3 36,88 36,88 AC1/AS2 35,00 35,00 AE4/AS1 33,50 33,50 AE3 31,63 31,63 AE2 29,75 29,75 AE1 25,00 25,00 In aggiunta saranno effettuate a gennaio 2021 e gennaio 2022 verifiche sull’inflazione (IPCA non depurata e con base di calcolo per gli aumenti: paga

Leggi
Fondo Nuove Competenze: applicazione della misura e utilizzo delle risorse

Il Decreto 9 ottobre 2020 del Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, individua i criteri e le modalità di applicazione della misura e di utilizzo delle risorse del Fondo Nuove Competenze, istituito presso l’ANPAL ai sensi dell’art. 88, co. 1, DL n. 34. Il Fondo interviene per consentire la graduale ripresa dell'attività dopo l'emergenza epidemiologica, con la finalità di innalzare il livello del capitale umano nel mercato del lavoro offrendo ai lavoratori l'opportunità di acquisire nuove o maggiori competenze e di dotarsi degli strumenti utili per adattarsi alle nuove condizioni del mercato del lavoro. DestinatariPossono avvalersi degli interventi del Fondo tutti i datori di lavoro del settore privato che abbiano stipulato gli accordi collettivi di rimodulazione dell'orario di lavoro per mutate esigenze organizzative e produttive dell'impresa (ai sensi dell'art. 88, comma 1, DL 19 maggio 2020 n. 34), stabilendo che parte dell'orario di lavoro sia finalizzato alla realizzazione di appositi percorsi di sviluppo delle competenze del lavorat

Leggi